Sample image Sample image Sample image Sample image Sample image    66 

POS: nota Presidente arch. Massimo Prontera In evidenza

Ancora una volta i professionisti italiani pagano il conto di una politica incapace di rispondere seriamente e con coraggio al problema dell'evasione fiscale. Ancora una volta i professionisti italiani sono costretti a saldare un conto salato ad un sistema che privilegia gli interessi delle banche a discapito degli interessi di centinaia di migliaia di studi professionali. Il Tar del Lazio ha infatti bocciato la richiesta di sospensiva, formulata dal nostro Consiglio Nazionale, del provvedimento che prevede, dal 30 giugno di quest'anno, l'obbligatorietà per ogni professionista di dotarsi di POS per i pagamenti dei compensi al di sopra dei 30 Euro.

Una nuova, inutile e ingiusta gabella di stampo medievale caricata sulle spalle di tutti i professionisti, a prescindere dal proprio fatturato. L'Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Taranto contesta fermamente questa disposizione normativa che nulla ha a che fare con la sacrosanta lotta all'evasione fiscale che vede i professionisti italiani già impegnati in prima linea, nel proprio loro interesse e nell'interesse della propria committenza. D'altronde, da tempo esistono ben più efficaci sistemi di tracciabilità dei pagamenti a cui i professionisti, da anni, fanno già riferimento, tra tutti bonifici e assegni.

Ma non è certo con l'obbligo del POS che si combatte un'evasione fiscale che va ricercata altrove e non certo negli studi dei sempre più penalizzati professionisti italiani. Tra questi poi, proprio gli oltre 150 mila architetti italiani sono coloro che più di altri stanno pagando sulla propria pelle la crisi economica degli ultimi anni, con una riduzione assoluta degli incassi e delle commesse a fronte di un aumento esorbitante dei costi di gestione dello studio, delle imposte dirette ed indirette e degli oneri previdenziali.

Pertanto, l'Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Taranto, appoggiando con convinzione l'azione che sta svolgendo il nostro Consiglio Nazionale contro questo provvedimento, valuterà tutte le azioni che potrà intraprendere, anche a livello territoriale, in difesa degli interessi dei propri iscritti e per la tutela della propria professione, con la consapevolezza che quanto previsto dal DL 179/2012, convertito nella legge 221/2012 sia assolutamente illegittimo e lesivo di un sano rapporto tra Stato e Contribuente.

 

Per il Consiglio dell'OAPPC della Provincia di Taranto

Il Presidente Arch. Massimo Prontera

 

 

Recapiti

  • Via Monsignor Blandamura 10 - 74121 (TA)
  • Tel: +(39) 099 770 7040 - Fax: +(39) 099 770 1251
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.